closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Il genocidio dei bambini

Canada. Ad oggi sono 6000 i corpi rinvenuti nelle fosse comuni vicino alle ex Residential School canadesi, dove venivano internati i bimbi indigeni. Il governo promette 40 miliardi di risarcimento

Una manifestazione a Calgary per i bambini indigeni

Una manifestazione a Calgary per i bambini indigeni

Nel corso del 2010 il manifesto è stato il primo e unico giornale italiano a pubblicare degli ampi articoli che denunciavano il genocidio di almeno 50mila bambini indigeni tra i circa 150mila che, tra il 1863 e il 1998, vennero internati nelle scuole residenziali religiose del Canada, delle quali 79 dipendevano direttamente dalla Santa Sede. Le leggi razziali - alcune ancora in vigore - che permisero la sottrazione coatta di bambini indigeni alle loro famiglie, le torture, gli stupri e le uccisioni denunciate 12 anni fa su queste pagine, vennero snobbate dall’intero mondo mediatico nazionale e considerate esagerazioni giornalistiche, se...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.