closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Il futuro cominciò nel ’56, ma non fu per tutti: un saggio di Silvia Albertazzi

Saggi. «Questo è domani - Gioventù, cultura e rabbia nel Regno Unito, 1956-1967», Paginauno

Tony Cragg, Points of View, 2007

Tony Cragg, Points of View, 2007

Il dibattito intorno agli anni Sessanta non si è esaurito: ci si domanda ancora se siano stati anni in cui un normale cambiamento generazionale assunse dimensioni inaspettate e si trasformò in una svolta irreversibile, o se – come dichiarò John Lennon – alla fine del decennio, tutto era rimasto uguale, con l’unica differenza che c'era più gente in giro con i capelli lunghi. Fu solo un aggiustamento del mercato che aveva scoperto l'esistenza di un nuovo gruppo di consumatori, i giovani, pronti a spendere in settori in espansione come la musica o la moda, oppure questo processo produsse conseguenze impreviste?...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi