closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Il fuoco si spegne curando la terra»

L'intervista. Davide Ascoli, ricercatore in Pianificazione forestale all’Università di Torino: «I grandi incendi diventeranno sempre più frequenti in un contesto di crisi climatica. Impariamo a gestire il territorio o sarà troppo tardi».

Bisogna imparare a convivere con gli incendi, un fenomeno inevitabile e intrinseco ai sistemi naturali, pianificando e governando il territorio, per renderli meno impattanti». Lo dice Davide Ascoli, ricercatore in Pianificazione forestale e selvicoltura all’Università di Torino, che ha studiato il governo degli incendi in un contesto di cambiamento climatico. È, inoltre, coordinatore del gruppo di lavoro «gestione degli incendi boschivi» della Sisef, la Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale. L’Italia è la propaggine di un fenomeno globale, che vede un aumento di incendi dal Canada alla Siberia, dall’Australia alla California. Cosa significa questo? Anche se andrei cauto nell’associare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.