closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il freddo autunno del piccolo contribuente

Condono. La «pace fiscale» gialloverde che salva i ricchi e dà una "manina" ai poveri. Come cambiare tutto senza cambiare nulla. A ben guardare, l’Italia è un Paese fatto di contribuenti virtuosi e per nulla evasori. Ma la legge aiuta il grande debitore, mentre i piccoli sono costretti a difendersi

Per sapere esattamente cos’è la cosiddetta «pace fiscale» varata dal governo si dovrà attendere la pubblicazione del testo definitivo del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019. Il provvedimento strombazzato da Lega e M5S, ancora al centro di emendamenti e polemiche su "manine" e condoni ai grandi evasori, comprende diverse misure: lo stralcio dei debiti con Equitalia fino a 1000 euro e una rottamazione per importi sopra i 1000, ossia il pagamento della somma più gli interessi ma senza sanzioni per cartelle affidate a Equitalia e Agenzia Entrate Riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi