closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il feroce dolore di Joe, killer e salvatore

Al cinema. «A Beautiful Day» di Lynne Ramsay, una versione arthouse e iperformalista di «Taxi Driver» su musiche di Jonny Greenwood dei Radiohead

Con 89 minuti di durata, brutalmente scolpiti dal romanzo dello scrittore newyorkese Jonathan Ames, A Beautiful Day, primo lungometraggio della regista scozzese Lynne Ramsay da 7 anni a questa parte, non pecca di eccessi di materiale, ripetizioni e lungaggini. Eppure, con l’ardire delle sue ellissi, dei suoi salti narrativi, e del suo comprimere scene intime e passaggi stilizzatissimi, questa versione arthouse, iperformalista, di Taxi Driver, su musiche di Jonny Greenwood (Radiohead), riesce lo stesso a essere ridondante. In una delle sue interpretazioni più, letteralmente parlando, strasberghiane Joaquin Phoenix (miglior attore a Cannes 2017) è un feroce grumo di dolore, deformato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.