closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il fallimento delle Usca, attive solo al 50%. Il caso del Lazio

Emergenza sanitaria . L'assistenza domiciliare dei pazienti Covid è rimasta sulle spalle dei medici di base

Operatori sanitari.

Operatori sanitari.

Per mesi medici ed epidemiologi hanno spiegato che il Covid-19 si combatte sul territorio, e che le terapie intensive dovrebbero rappresentare l’estrema difesa. Asl e medici di base, cioè quel che resta della sanità territoriale, avrebbero dovuto svolgere un ruolo di primo piano. Impoverite da anni di tagli le prime, anziani e privi di infrastrutture adeguate per la gestione dei malati Covid i secondi, il governo in piena prima ondata aveva provato a rimediare mettendo in campo le Usca. La sigla per “Unità Sanitarie di Continuità Assistenziale” e compare per la prima volta in un decreto governativo del 9 marzo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi