closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il duello di Guy Debord con i professionisti della società dello spettacolo

Saggi. «Questa cattiva reputazione» di Guy Debord. Una meticolosa replica alle accuse provenienti dai «comunicatori» che diventa una sorta di testamento politico

Sono le immagini patinate di uno spot pubblicitario del tutto simile – nel sapore e per lo stile – alle commedie musicali di Busby Berkeley ad accompagnare la voce asciutta e cadenzata di Guy Debord: «l’organizzazione spettacolare di questa società di classe comporta due conseguenze che sono ovunque riconoscibili: da una parte, la falsificazione generalizzata dei prodotti così come dei ragionamenti; dall’altra l’obbligo, per tutti coloro che pretendono di trovarvi ogni loro bene, di tenersi sempre a gran distanza da ciò che ostentano di amare, poiché non hanno mai i mezzi, intellettuali o di altro genere, per raggiungere una conoscenza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.