closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il dramma sociale nel vuoto della politica

La contrapposizione tra lavoro e ambiente che viene agitata nella vicenda delle acciaierie di Taranto non è isolata né isolabile. Si tratta di una tra le tantissime manifestazioni della contraddizione di fondo dello sviluppo capitalista. Consistente nel crescente sfruttamento e mercificazione del lavoro umano e delle risorse naturali. Contraddizione sempre più prorompente nel corso dell’età industriale e giunta oggi ad un punto limite invalicabile. Infatti, dopo la ristrutturazione dell’ultimo quarantennio, svoltasi all’insegna del neoliberismo più sregolato ed irresponsabile, il sistema ha raggiunto un grado di concentrazione tecno-produttiva e finanziaria tanto potente da consentire ai gruppi dominanti di svuotare la politica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.