closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il dna delle zanne inchioda i bracconieri

Genetica. I ricercatori hanno ricostruito il dna dell'avorio proveniente dallo stesso esemplare di elefante e così hanno trovato i fili delle reti mafiose

Ogni anno circa quarantamila elefanti vengono uccisi dai bracconieri per prelevare l’avorio delle zanne. Il 70% dell’avorio viene spedito fuori dall’Africa via container, soprattutto verso i porti di Singapore, Malesia e Cina. Per uccidere gli elefanti, i bracconieri dispongono di elicotteri e armi da guerra e attraversano confini poco controllati come quello a nord della Repubblica Democratica del Congo. I sequestri di avorio illegale danno le principali informazioni sulle dimensioni del fenomeno. I container intercettati possono contenere anche sei tonnellate di avorio. A FRONTE DI UN GIRO d’affari così vasto, i bracconieri la fanno franca o se la cavano con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.