closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il diritto all’aborto arriva alla Corte suprema trumpista

Stati uniti. La legge super restrittiva del Mississippi sarà esaminati dai giudici supremi. Una decisione che arriva a pochi mesi dalla conferma della conservatrice anti-abortista Amy Coney Barrett voluta dall'ex presidente e che potrebbe mettere in pericolo la storica sentenza del 1973, Roe vs Wade

Presidio pro-aborto davanti alla Corte suprema a Washington

Presidio pro-aborto davanti alla Corte suprema a Washington

La Corte suprema ha accettato di riesaminare la legge dello Stato del Mississippi che vieta l’aborto dopo la 15esima settimana di gravidanza, iniziando quella che si profila come una sfida diretta contro la Roe vs Wade, la storica sentenza che dal 1973 tutela il diritto all’aborto negli Stati uniti. Il divieto del Mississippi, da quando è stato emanato nel 2018, è stato puntualmente bloccato dai tribunali di grado inferiore, ma arrivando alla Corte suprema diventa uno dei primi casi sul tema delle interruzioni di gravidanza a essere esaminati dopo la conferma - nell’ottobre 2020 - della giudice Amy Coney Barrett,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi