closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il dilemma di Fedra

A teatro. Il regista Carlo Cerciello porta in scena un personale adattamento della tragedia di Seneca

una scena da Fedra

una scena da Fedra

La storia è nota e, in prima lettura, semplice, in assenza del marito Teseo, Fedra si innamora del figliastro, Ippolito che la respinge, e per disperazione si uccide sui brandelli dell’amato corpo. Questa lineare conseguenzialità – concesso di inserire in una rigida griglia sentimenti e passioni – è presa dal regista Carlo Cerciello a paradigma per denudare la natura umana e una delle forme più emblematiche della sua fragilità, l’amore. Reduce dal 52esimo ciclo di rappresentazioni classiche del Teatro Greco di Siracusa, questa Fedra di Seneca è approdata per un paio di repliche al Teatro Romano di Ostia Antica, offrendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi