closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il dilemma dei partiti costretti al gioco della torre tra i pretendenti

Toto ministri. Nel Pd in pista Orlando, Guerini e Franceschini. Ma i posti sono soltanto due

Che ci sia ciascun lo dice, cosa sia nessun lo sa. Non ancora almeno. Si allude naturalmente al ministero per la Transizione ecologica, chiave magica che dovrebbe aprire per Mario Draghi il cuore e il voto dei pentastellati. L’incaricato, si sa, è laconico. Quando Donatella Bianchi, del Wwf, ha provato a chiedere più dettagliati lumi si è sentita rispondere che saranno concentrate competenze del ministero dell’Ambiente e di quello dello Sviluppo. Sembra esclusa l’ipotesi di un ministero monstre con dentro anche le Infrastrutture, anche se resta in campo la possibilità di una sorta di «superministro» con tre vice per i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi