closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il Dieselgate decapita l’Audi. Arrestato l’ad Stadler

Germania. Coinvolto nella maxi-truffa dei motori "puliti" del Gruppo Volkswagen. È il secondo top-manager del Gruppo Vw a rimanere schiacciato dal carico di accuse messe in fila dalla Procura bavarese

Il Dieselgate decapita l’Audi. Ieri mattina la polizia bavarese ha eseguito il fermo dell’amministratore delegato Rupert Stadler accusato la settimana scorsa di «frode e false autenticazioni» dalla Procura generale di Monaco. Misura di custodia cautelare urgente e necessaria: a sentire i magistrati, il Ceo dei "Quattro Anelli” avrebbe provato a condizionare «altre parti nel procedimento» sulla maxi-truffa dei motori "puliti" del Gruppo Volkswagen. «Temevamo che ciò fosse imminente e quindi si dovesse agire molto rapidamente», riassume il portavoce del Tribunale. Domani mattina Stadler comparirà davanti al giudice istruttore per il primo interrogatorio; ieri non ha voluto rilasciare dichiarazioni lasciando ai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.