closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il destino di Atene nelle mani di Merkel e Lagarde

Grecia. La direttrice dell'Fmi avverte: «La portata della ristrutturazione del debito dipenderà chiaramente da quante riforme saranno state attuate» e che ci si dovrà muovere verso «un rinvio delle scadenze dei prestiti e una significativa diminuzione dei tassi»

Merkel riceve Christine Lagarde a Berlino

Merkel riceve Christine Lagarde a Berlino

È nelle mani di due donne il destino della Grecia. Ieri, infatti, a Berlino si è svolto l’incontro tra Angela Merkel e Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale. Un’incontro in cui si è parlato anche - e soprattutto - della crisi greca. Lagarde, al termine del mini-vertice ha sostenuto che prima dovranno essere applicate le riforme e solo in seguito si potrà procedere alla ristrutturazione del debito, che non dovrà, comunque, essere un vero e proprio «taglio». Quanto alla permanenza dell’Fmi al programma di salvataggio della Grecia anche in futuro, la direttrice del Fondo, ha dichiarato alla rete televisiva Ard...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.