closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Il Decameron nuovo di zecca

Classici riediti. Sostituire al vecchio mondo, corrotto e travolto dalla peste, un mondo nuovo, caratterizzato dalle forze vitali della natura, le donne in primis: per generare un ordine diverso

Tradotto per l’oggi da Aldo Busi sette anni fa e rivisitato in chiave politicamente scorretta da Dario Fo due anni fa, il Decameron sembrava costretto ormai all’alternativa tra classico paludato per aule scolastiche ed elucubrazioni accademiche oppure libro giocoso per narcisismi d’autore, scherzi letterari e letture conturbate. Provano ora a restituirlo alla sua dimensione più autentica, mediando tra serietà storica e gusto ludico, Amedeo Quondam, Maurizio Fiorilla e Giancarlo Alfano, in un’edizione che s’impone all’attenzione critica per la novità del testo e del commento: Giovanni Boccaccio, Decameron (Bur «Classici», pp. 1851, e 18,00). La prima novità è costituita dal testo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.