closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il debito del Piemonte e il gelo tra Chiamparino e Renzi

Bliancio. Un buco catastrofico ereditato dalla giunta del leghista Cota, che a sua volta incolpava il governo Bresso

Sergio Chiamparino

Sergio Chiamparino

I primi segni di debolezza dell’apparentemente monolitico centrosinistra renziano arrivano dal Piemonte. Il governatore Sergio Chiamparino ha ieri dato le dimissioni dalla guida della Conferenza delle Regioni, ufficialmente a causa della difficilissima situazione del bilancio del Piemonte, che ha un disavanzo da 5,8 miliardi. Lo stesso Chiamparino ha spiegato in una nota che «una Regione in queste condizioni non può stare in testa alle altre. Devo dedicarmi di più al Piemonte». Il buco di bilancio della Regione, in assenza di decreto del governo denominato «salva Piemonte», genera un piano di rientro draconiano: ottocento milioni di rata a copertura del debito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi