closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il corpo a corpo delle immagini con l’invisibile

Intervista. Olivier Zabat parla di «Arguments», presentato al festival di LaRoche-Sur -Yon. Gli «ascoltatori di voci» e la «normalità», la ricerca di una rappresentazione diversa della follia

«Lottare contro la discriminazione è una battaglia politica» dice uno dei personaggi di Arguments, il film di Olivier Zabat i cui protagonisti sono persone che «sentono le voci», un’eco costante e invasiva che accompagna le loro giornate, commenta i loro gesti, li rende fragili e spaesati. Al centro ci sono Ron e sua moglie Karen, che accolgono gli ascoltatori di voci che arrivano da tutta Europa accompagnandoli in un percorso nel quale ciò che viene comunemente definito come un’espressione della «follia» si trasforma in una diversa percezione del mondo. In questo processo Zabat fa entrare anche il cinema, cercando un’immagine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.