closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il coraggio di chiamare le cose con il loro nome

Garante nazionale dei detenuti. Era tempo che nelle aule parlamentari non si sentiva un discorso di alto profilo sui diritti e sulle libertà

Era tempo che nelle aule parlamentari non si sentiva un discorso di alto profilo sui diritti e sulle libertà. Un discorso che è partito con una citazione di Albert Camus ed è terminato con un testo di Johan Huizinga. L’occasione è stata la presentazione della prima Relazione al Parlamento del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà. Se lo storico olandese, che con il carcere fino alla morte ha pagato la sua lotta per la libertà di ricerca durante il nazismo, è citato in riferimento all’imprevedibilità della storia e alla auspicabile capacità umana di condizionarne gli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi