closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il convivio meticcio di Volker Weidermann

Intervista. Parla Volker Weidermann, autore de «L’estate dell’amicizia»

«Aspettano di poter rientrare in patria e ogni giorno si arrovellano su come far cambiare rapidamente direzione a questo mondo per poter rimettere piede nel loro paese di origine e poi, chissà, un giorno, fare ritorno qui, su questa spiaggia di villeggiatura, da ospiti. Adesso sono persone in fuga attorniate da un mondo in vacanza». È un’Europa al bivio quella che si ritrova ad Ostenda, la località balneare belga sul Mare del Nord, nell’estate del 1936. C’è chi corre ancora spensierato sull’orlo dell’abisso che sta per inghiottire il mondo e chi è già in fuga. Chi osserva la linea incerta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi