closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il «consiglio delle ministre», la Spagna si aggiorna

La cerimonia. Nessun Crocifisso ma una laica «promessa» sulla Costituzione, al via il governo Sánchez. Malumori da Podemos: «C’è gente che piace a Ciudadanos e al Pp, ma nessuna figura vicina a noi. In 24 ore si è dimenticato di chi lo ha fatto presidente», commenta Pablo Iglesias

Il «Consiglio delle ministre e dei ministri» del governo Sánchez, sotto Pablo Iglesias

Il «Consiglio delle ministre e dei ministri» del governo Sánchez, sotto Pablo Iglesias

I simboli, e le parole, in politica contano. Ieri, alla cerimonia di presa di funzione dei membri del nuovo governo spagnolo di Pedro Sánchez, se n’è avuta una positiva dimostrazione. Come già era stato per il premier al suo insediamento il 2 giugno, davanti al Re Felipe VI nessun giuramento corredato da crocifisso e Bibbia, ma una laica «promessa» sulla Costituzione. E, novità assoluta, l’utilizzo dell’espressione «consiglio delle ministre e dei ministri». Pare non fosse previsto, ma l’istantaneo assenso del monarca sorridente ha fatto capire subito che non c’era nulla di formale da eccepire. E così, quasi tutti i componenti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.