closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il commissario del disincanto

Noir. «Le lacrime di Borromini» di Fabio Bussotti, per Mincione editore. Un thriller a cavallo tra i secoli

Fabio Bussotti sembra essere un personaggio a dir poco poliedrico. Attore, autore di teatro, sceneggiatore. Ha lavorato tra gli altri con Vittorio Gassman – il maestro, come lo definisce, di cui ha frequentato la Bottega Teatrale di Firenze – Adolfo Celi, Lilliana Cavani, Federico Fellini. Insomma, una vita segnata dall’arte. Del resto se, come dicevano gli antichi romani, nomen omen, uno che porta lo stesso nome del grande Sylvano Bussotti forse non poteva avere un destino diverso. Da qualche anno, Fabio Bussotti si è dedicato anche al noir. E anche in questo caso l’arte non poteva essere assente. Nei suoi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.