closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il Colle ci prova: obiettivo dicembre

I tempi del Quirinale. Mattarella costretto a proporre soluzioni inedite e quasi spericolate. Offre un governo "di garanzia" a termine e chiede di evitare il doppio rischio di un voto anticipato in "piena estate" o in autunno che però metterebbe a rischio la legge di bilancio.

Il governo Monti al giuramento del 2011

Il governo Monti al giuramento del 2011

Tocca a Sergio Mattarella riempire la «pagina bianca» delle elezioni. L’aveva definita così prima del voto, sperando che fossero i partiti a scrivere il seguito. Invece deve essere proprio il capo dello stato dallo stile misurato e accorto a proporre una soluzione inedita e quasi spericolata della crisi politica post elettorale. Un governo di non eletti interamente selezionato al Quirinale che nasce senza avere i numeri per la fiducia. E poi nuove elezioni in tempi strettissimi, addirittura a metà luglio oppure a inizio autunno. Ieri sera il presidente ha letto alle telecamere un discorso lungo, preparato prima dell’ultimo e inutile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi