closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Il cibo come metafora del tempo, del sentimento e della sessualità

Il ronzio del refrigeratore s’interrompe, seguito da pause alterne. Raffreddare è l’azione che permette alla forma di mantenere la sua consistenza. A tradirne la natura è l’odore sovrastante (in un certo senso anche rassicurante) della margarina che Sonja Alhäuser (Kirchen 1969, vive e lavora a Berlino) modella come fosse creta. L’artista (proviene dalla Staatliche Kunstakademie di Düsseldorf) ha terminato Fragment I (2018), la sua prima scultura romana e poi l’ha collocata nel frigo, nel suo studio all’Accademia Tedesca di Villa Massimo dove è in residenza per l’anno accademico 2018/19. Il suo è un viaggio nel cibo, materia di per sé...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi