closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il Che sul braccio, Fidel nel cuore. E il gol del secolo è per le Malvinas

La passione politica. Comunista? Forse. Di sicuro fu castrista, chavista, peronista di sinistra, nazionalista anti-Thatcher. Riceve Estela Carlotto, la prima Madre di Plaza de Mayo, incontra Chavez, caccia Macrì

Maradona con Fidel Castro nell’ottobre 2005 all'Avana

Maradona con Fidel Castro nell’ottobre 2005 all'Avana

Giocò, vinse, pisciò, perse. E va bene, questa è di Eduardo Galeano, che a calcio era uno scarpone irredimibile ma capiva di pallone e di persone, di storie e di vite, e quella di Diego Armando Maradona era ingombrante e magnifica e tremenda, con o senza una palla tra i piedi. Ma dirlo meglio non sembra possibile. TRA GIOCARLA E PERDERLA - la partita, la vita - c’è quel labirinto di contraddizioni chiamato Diego, il genio del campo e il folle fuori, il cacciatore e il cacciato di un’industria mediatica che lo ha adorato e crocifisso a giorni alterni. Forse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi