closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Costruzioni, la follia costa 800 milioni l’anno

Ecologia. Ogni giorno in Italia spariscono 35 ettari di suolo sotto una colata di cemento. In due anni sono stati "bruciati" 250 chilometri quadrati di territorio. Questa calamità non naturale ha un costo per la collettività di circa 800 milioni di euro all'anno. Senza contare i danni irreparabili per l'ecosistema. Questo dice il rapporto Ispra 2016 sul consumo di suolo presentato ieri a Roma. Legambiente chiede alla politica di intervenire con la massima urgenza approvando il ddl che è in discussione al Senato. "A settembre lanceremo una petizione popolare per raccogliere un milione di firme e spingere le istituzioni comunitarie a legiferare per la tutela del territorio in Europa", annuncia Damiano Di Simine

Uno. In questo momento, trascorso un secondo, in Italia sono già spariti quattro metri quadrati di suolo sotto una colata di cemento. Fanno circa 35 ettari al giorno, una calamità non naturale ma inesorabile che in soli due anni ha ricoperto 250 chilometri quadrati di territorio. E non è stato nemmeno il biennio peggiore, visto che la crisi ha rallentato l’aggressione all’ecosistema Italia. Solo per restare sui terreni agricoli, in meno di venti anni le superfici edificate hanno “bruciato” oltre 2 milioni di ettari coltivati: il 16% delle campagne è sparito. E continua a sparire al ritmo di 55 ettari...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.