closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il caso Comey e la sfiducia nei media Usa

Ai confini della realtà. Watergate, e il licenziamento del procuratore speciale Archibald Cox, sono stati citati molto nella tempesta mediatica cha ha seguito, e sta seguendo, il licenziamento del direttore dell’Fbi

James Comey

James Comey

Watergate, e il licenziamento del procuratore speciale Archibald Cox, sono stati citati molto nella tempesta mediatica cha ha seguito, e sta seguendo, il licenziamento del direttore dell’FBI James Comey da parte di Donald Trump. Liberarsi del responsabile delle indagini sul Watergate era stata una mossa boomerang per Nixon, un gesto che Congresso e opinione pubblica avevano interpretato come un abuso di potere motivato da un conflitto d’interessi quindi una minaccia alla democrazia. L’allontanamento di Comey, impegnato nell’inchiesta sul Russiagate, e il cui alto profilo deve anche aver offeso l’ego ridicolamente fragile di Trump («un esibizionista», lo ha definito il presidente),...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.