closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Il caso Alitalia primo banco di prova per il governo

Tempesta sui cieli. Stipendi di nuovo in ritardo, problemi per l'integrazione della cig straordinaria, rapporti gelidi con la Ue che chiede un nuovo bando di vendita con il rischio dello spezzatino. Domani manifestazione a piazza Montecitorio di tutto il settore del trasporto aereo messo a terra dalla pandemia. Mentre il leghista Giorgetti dal Mise chiede un "incontro urgente" a Giovannini (Trasporti) e Franco (Economia) sul dossier del'ex compagnia di bandiera.

Un aereo dell'ex compagnia di bandiera

Un aereo dell'ex compagnia di bandiera

Ancor più degli stipendi di nuovo in ritardo, sia pur di alcuni giorni come già successo nel dicembre scorso, è la fitta nebbia che avvolge Alitalia ad allarmare, parecchio, gli 11mila addetti diretti dell'ex compagnia di bandiera. “La situazione è in costante e drammatico peggioramento”, fanno sapere i sindacati di categoria al termine dell'incontro con il commissario straordinario Guseppe Leogrande. Filt, Fit, Uilt e Ugl denunciano i ritardi nella erogazione dei fondi di ristoro Covid19 finora richiesti, circa 55 milioni di euro. Puntano l'indice contro l'Inps, che a loro dire sta bloccando i pagamenti della integrazione alla cig straordinaria, non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi