closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il caos delle streghe e il conflitto tra l’anima e il corpo

Venezia 75. «Suspiria» di Luca Guadagnino, il primo titolo italiano presentato in concorso ieri alla Mostra. La reinterpretazione dell’horror di Dario Argento che dagli anni ’70 attraversa il nostro contemporaneo

Berlino 1977. La Markos Tanz Company di danza di Madame Blanc (Tilda Swinton, l’icona di Guadagnino qui in un triplice ruolo che non spoileriamo) è l’obiettivo più ambito dalle aspiranti danzatrici, un «metodo» che nella performance rompe radicalmente lo schema del «classico» nella tradizione di un movimento che già agli inizi del 900 ha cominciato a usare il corpo come strumento di deflagrazione della società. La storia inizia però prima, da qualche parte in America, in una comunità mennonita dove vive Susie Bannion (Dakota Johnson), la madre della ragazza sta morendo, le figlie pregano, il mondo lì dentro sembra essersi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.