closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il campionario dei veleni di Brumadinho

Brasile. A un mese dal crollo della diga mineraria, nello stato del Minas Gerais continua la conta delle vittime. Il territorio è sconvolto, contaminati anche i soccorritori. In ginocchio le comunità locali

L’area del disastro come appariva ancora il 28 febbraio, quando il bilancio è salito a 186 vittime (122 i dispersi)

L’area del disastro come appariva ancora il 28 febbraio, quando il bilancio è salito a 186 vittime (122 i dispersi)

Quella dei morti di Brumadinho, in Brasile, è una triste contabilità che viene aggiornata continuamente. A poco più di un mese dal crollo della diga mineraria, il bilancio è salito ieri a 186 morti. Ma 122 persone risultano ancora disperse. Una tragedia che segnerà per sempre il territorio e la vita della popolazione. Ma è anche il contatto col fango tossico a generare allarme. Il pericolo di contaminazione è reale per le persone che vivono nell’area del disastro e lungo il corso del Rio Paraopeba. E sono centinaia i vigili del fuoco e gli agenti della difesa civile che hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.