closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il «Camping Village» devastato dal «piano nomadi» della sindaca Raggi

Roma. Nel 2005 vennero «trasferiti» lì i rom macedoni e kosovari cacciati da «Casilino 900». Il 90% dei bambini andava a scuola e c’erano buoni standard igienico-sanitari

Per arrivare al Camping River bisogna prendere via Tiberina, nord di Roma, e trovare la stradicciola che va verso il fiume, a metà della quale due macchine della polizia locale sono messe di traverso in una specie di posto di blocco; controllo dei documenti, mentre altri vigili chiedono se, da giornalista, abbiamo il permesso per entrare nel campo. Quale permesso? Quando siamo andati in passato nel campo rom, non abbiamo mai chiesto permessi. Ma il 30 giugno 2018 è un’altra storia. Perché proprio il 30 giugno è scaduto l’ultimatum del Comune di Roma. IL GRADUATO TELEFONA al comandante, che chiede...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.