closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il califfo detta legge, Baghdad resta al palo

Iraq. A Mosul piovono bombe senza nome mentre Al-Baghdadi introduce i primi regolamenti. In Siria l'Isil espelle 60mila persone

Lo stallo del parlamento iracheno contro il nuovo “ordinamento” del califfato di Al Baghdadi. Mentre i parlamentari di Baghdad, eletti a fine aprile, per la seconda volta in una settimana alzavano bandiera bianca e rimandavano l’elezione del presidente al 12 agosto, il nuovo califfo dettava le regole da seguire nel corridoio da Aleppo a Diyala, sotto il controllo dell’Isil da quasi un mese. Nella capitale le fazioni politiche hanno rinviato nuovamente la nomina del proprio presidente e, indirettamente, del nuovo esecutivo. Secondo quanto riportato da un deputato sunnita, Salim Al-Jabour, lo stallo è dovuto «alla mancanza di consenso politico». Lo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.