closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Il Calenda raddoppiato

Il colonnino infame. La campagna elettorale per sindaco di Roma parte all'insegna di un mistero...

Nonostante l'evidenza di buche e monezza, di topi a spasso, cinghialotti in libera uscita, tombini attappati, bombe d’acqua e autobus che prendono fuoco come lo Spirito Santo, la campagna elettorale per sindaco di Roma parte all'insegna di un mistero. Il Mistero che in questi giorni attanaglia gli attoniti romani inchiavardati nel traffico o in bilico sui monopattini, seduti a smart-working o in piedi ai banconi dei bar: «ma tutti 'sti faccioni de 'sto candidato co' sotto scritto Calenda, che tanto somìja a Calenda ma nun po' esse Calenda... oh! ma chi cacchio è?» Molto più giovane, assai più magro, dal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi