closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il business che non conosce crisi: nel 2019 venduti 361 miliardi di dollari in armi

Guerre. Il nuovo rapporto Sipri: +8,6% di vendite globali rispetto al 2018. Le società americane e cinesi mangiano il 77% della torta. Tra le prime 12 c’è anche l’italiana Leonardo, che beneficia del boom di autorizzazione rilasciate dal governo negli ultimi cinque anni

Elicotteri statunitensi in dotazione alla Nato tra Grecia e Turchia

Elicotteri statunitensi in dotazione alla Nato tra Grecia e Turchia

Non c’è crisi che tenga: la vendita di armi è un business che non va mai in recessione. Nel 2019, anno che ha preceduto la pandemia, il settore è cresciuto ancora. A certificarlo è lo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri): lo scorso anno le prime 25 aziende produttrici di armi hanno registrato vendite totali pari a 361 miliardi di dollari, un +8,5% rispetto al 2018, quando il valore era già cresciuto rispetto all’anno precedente del +4,6% (420 miliardi in valore assoluto). A DOMINARE IL SETTORE sono i soliti noti: 12 compagnie statunitensi (con in testa Lockeed Martin, Boeing, Northrop...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.