closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Brasile di Dilma ferma la destra

Brasile. Vittoria di misura, la più stretta nella recente storia brasiliana. I mercati e la classe media in agguato

I festeggiamenti dell'elettorato di Dilma a Porto Alegre

I festeggiamenti dell'elettorato di Dilma a Porto Alegre

Non passa la destra in Brasile. Al secondo turno di domenica, Dilma Rousseff, candidata per il Partito dei lavoratori (Pt) ha vinto sull’avversario Aecio Neves, del Partito della socialdemocrazia brasiliana (Psdb) col 51,64% contro il 48,36%. E si conferma presidente. Il Psdb ha ottenuto il suo miglior risultato degli ultimi dodici anni, ma ha subito la sua quarta sconfitta consecutiva con il Pt, che governa dal 2003. Per Dilma, comunque una vittoria difficile, che ha fatto registrare il margine più stretto di tutta la recente storia brasiliana: nel ballottaggio del 2006, Lula ha sconfitto il candidato del Psdb, Geraldo Alckmin,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.