closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Brasile senza tetto e senza paura

Da «Povo sem Medo» a «Marielle Vive», così chiamata in omaggio all’attivista uccisa due mesi fa, un viaggio nelle occupazioni "vincenti" del movimento dei lavoratori per la casa brasiliano

Un’assemblea dell’occupazione «Marielle Vive» a San Paolo

Un’assemblea dell’occupazione «Marielle Vive» a San Paolo

Il Movimento dos Trabalhadores sem Teto (Mtst) – Movimento dei lavoratori senza tetto – ha da poco inaugurato due occupazioni nella periferia di São Paulo, entrambe dedicate alla memoria di Marielle Franco, la consigliera comunale del Psol – Partito socialismo e libertà – assassinata poco più di due mesi fa a Rio de Janeiro.   [caption id="attachment_311987" align="alignright" width="840"] Marielle Franco[/caption]   La sua morte ha scosso a tal punto le coscienze della sinistra brasiliana che a entrambe le occupazioni è stato dato il nome «Marielle»: oggi, le sue battaglie per i diritti delle donne, contro la discriminazione razziale e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi