closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Il blues del dottore

Il caso. Un’inchiesta di «Nature» lancia l’allarme: con la pandemia le forme di burnout, stress e depressione dilagano nel mondo accademico. Tra più colpiti, le donne e i ricercatori precari

Particolare di un’aula dell’università di Strasburgo foto Ap

Particolare di un’aula dell’università di Strasburgo foto Ap

Un anno di pandemia ci lascia in eredità quasi 3 milioni di morti nel mondo (più di 100mila solo in Italia), e più di 120 milioni di persone infettate, ciascuna con la sua storia (in alcuni casi terribili). Per molte di queste persone, le sequele fisiche della malattia si trascinano per settimane o mesi, e ancora non è neppure del tutto chiaro perché. Se questo non fosse già abbastanza tragico, una conseguenza più impalpabile ma altrettanto reale che ci rimane da gestire è quella psicologica. Le nostre vite sono drammaticamente cambiate: una miscela di ansia, paura, incertezza, rabbia, impotenza ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi