closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il bacio fatale di Internet

Open Source. Identikit di Ippolita, il gruppo di ricerca che analizza il web e guarda alle pratiche hacker di condivisione della conoscenza. Ha appena pubblicato per Laterza il libro «La Rete è libera e democratica. Falso»

Illustrazione da American Showcase

Illustrazione da American Showcase

Ippolita è uno dei gruppi di mediattivisti più interessanti apparso sulla «scena italiana». Per prima cosa, è un gruppo anche teorico transdisciplinare. Vede al suo interno la presenza di antropologi, filosofi, programmatori di computer, che non condividono la loro conoscenza, con la consapevolezza di mettere a fuoco e superare i limiti della propria disciplina e competenza «professionale». Tutti provengono da esperienze di movimento, in particolar modo da quella variagata area che è solito qualificare come libertaria. Infine, Ippolita esercita sempre uno sguardo critico sulla vita dentro e fuori lo schermo, cercando di passare in rassegna corpus teorici sia mainstream che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi