closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il 50mo compleanno del Bangladesh finisce nel sangue

Almeno 4 morti tra i manifestanti e decine di feriti. Scontri e violenze per la visita del primo ministro indiano Modi nel giorno dell’indipendenza: «Fomenta l’odio anti-islam». Mano dura del governo di Sheikh Hesina, la polizia apre il fuoco sui manifestanti. In piazza studenti di sinistra e islamisti

Dacca, la polizia contro le proteste che hanno accolto Narendra Modi

Dacca, la polizia contro le proteste che hanno accolto Narendra Modi

Bangladesh celebra tra scontri e sangue il 50mo compleanno. Almeno 4 morti e decine e decine di feriti è infatti il bilancio, provvisorio, del primo dei due giorni di visita nel Paese del primo ministro indiano Narendra Modi, in occasione delle celebrazioni per i 50 anni di indipendenza conquistata nel 1971 anche grazie all’aiuto dell’esercito indiano contro quello del Pakistan. MODI È STATO ACCOLTO ieri all’aeroporto della capitale Dacca dalla prima ministra bangladese Sheikh Hasina, figlia di Sheikh Mujibur Rahman, l’uomo-simbolo dell’indipendenza del Paese asiatico, ucciso nell’agosto del 1975 in un golpe militare. Sheikh Hasina ha riservato la guardia d’onore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi