closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il 50mo compleanno del Bangladesh finisce nel sangue

Almeno 4 morti tra i manifestanti e decine di feriti. Scontri e violenze per la visita del primo ministro indiano Modi nel giorno dell’indipendenza: «Fomenta l’odio anti-islam». Mano dura del governo di Sheikh Hesina, la polizia apre il fuoco sui manifestanti. In piazza studenti di sinistra e islamisti

Dacca, la polizia contro le proteste che hanno accolto Narendra Modi

Dacca, la polizia contro le proteste che hanno accolto Narendra Modi

Bangladesh celebra tra scontri e sangue il 50mo compleanno. Almeno 4 morti e decine e decine di feriti è infatti il bilancio, provvisorio, del primo dei due giorni di visita nel Paese del primo ministro indiano Narendra Modi, in occasione delle celebrazioni per i 50 anni di indipendenza conquistata nel 1971 anche grazie all’aiuto dell’esercito indiano contro quello del Pakistan. MODI È STATO ACCOLTO ieri all’aeroporto della capitale Dacca dalla prima ministra bangladese Sheikh Hasina, figlia di Sheikh Mujibur Rahman, l’uomo-simbolo dell’indipendenza del Paese asiatico, ucciso nell’agosto del 1975 in un golpe militare. Sheikh Hasina ha riservato la guardia d’onore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.