closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il 4 luglio è apocalisse zombie: 150 uccisi in 400 sparatorie

Stati Uniti . Un weekend di sangue negli Stati uniti, tra mass shooting e singoli omicidi. Tra le vittime molti bambini. E continua la corsa all’acquisto di armi da fuoco

Una Ruger 1911 alla cintura del direttore della sicurezza di un negozio di armi a Pompano Beach, in Florida

Una Ruger 1911 alla cintura del direttore della sicurezza di un negozio di armi a Pompano Beach, in Florida

Nel fine settimana del 4 luglio negli Stati uniti almeno 150 persone sono state uccise da armi da fuoco nel corso di oltre 400 sparatorie. Eventi che fanno parte di una più ampia ondata di crimini violenti che sta mettendo in crisi le principali città Usa: dall’inizio di quest’anno nella sola New York ci sono state 767 sparatorie che hanno provocato 885 vittime e nel ponte del 4 luglio la città ha visto 26 vittime in 21 sparatorie, da venerdì a domenica. DA CHICAGO il sovrintendente di polizia David Brown ha definito il 4 luglio «il fine settimana più impegnativo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.