closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Identikit del mondiale brasiliano

Futebol. Un evento spettacolare, ma anche un catalogo merceologico: il calcioverdeoro promette una sbornia. Inutile spegnere la tv

Neymar

Neymar

Un campionato del mondo di calcio, nonostante si disputi in Brasile, può dirsi ancora tale? Sì e no. Sì perché il Brasile è la patria di un gioco presto sublimato in danza e prodigio incantatorio (nonostante la pratica del futebol, teste Alex Bellos, vi sia approdata relativamente tardi per il tramite oltretutto di ruvidi scozzesi), no perché il calcio da molto tempo ha smesso di essere un gioco e persino uno sport per tradursi in quello che in effetti è, qui e ora, praticamente ovunque: vale a dire uno spettacolo a dominante televisiva, una merce a diffusione planetaria la cui...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi