closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Identify and Disrupt», sorveglianza distopica delle forze dell’ordine

Australia. La nuova legge australiana consente alla polizia di spiare i cittadini online e di modificare e «impadronirsi» dei loro account

Approvato in sordina, senza troppe proteste, lo scorso agosto dal parlamento australiano, il Surveillance Legislation Amendment (Identify and Disrupt) Bill dovrebbe invece «spaventare» anche chi non vive in quell’isola dall’altra parte del mondo. La legge infatti istituisce tre mandati (Warrants) che conferiscono alle agenzie di polizia e intelligence australiane un potere senza precedenti di violazione della privacy dei cittadini. La chiave del loro funzionamento sta in quel Identify and Disrupt messo quasi incidentalmente fra parentesi: grazie ai nuovi mandati la polizia può accedere agli account e ai dati online delle persone, tenerli sotto controllo, alterarne – e cancellarne in parte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.