closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Idee per un’avventura nascosta dietro l’immagine dell’altro

Cinema. Lo scambio fra i due registi sulle pagine dei «Cahiers du cinéma»

Sul set di Les prostituées de Lyon parlent (1975)

Sul set di Les prostituées de Lyon parlent (1975)

Nell’aprile 1979, Jean-Luc Godard scrive alla collega e amica Carole Roussopoulos una lettera pubblicata in maggio sul numero 300 dei «Cahiers du cinéma»: «Penso a te ogni tanto, anche se ti stupirà. Mi chiedo come stai e che fai con la tua piccola Sony in bianco e nero. Mi chiedo anche, a volte, che ne è stato delle persone che hai filmato, ai quattro angoli della Francia e del mondo. L’operaia di Troyes, la sindacalista di Besançon, la puttana di Lione, le due sorelle, il combattente, la donna che ha abortito e l’avvocato, la Black Panther, e Geronimo. Una volta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.