closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Ida Maly, una ballata delle artiste irregolari

Pagine. Bianca Tosatti, «Con il senno di poi. Nulla rimane fermo. Nulla rimane nostro», Prinp

Ida Maly, «Premonizioni oscure (autoritratto)», 1928

Ida Maly, «Premonizioni oscure (autoritratto)», 1928

La pittrice Ida Maly nasce a Vienna nel 1894. La famiglia si trasferisce a Graz, Ida frequenta il liceo e stringe amicizia con Marta Newes. Si iscrive alla scuola d’arte e a un corso di pubblicità. Torna a Vienna. Si innamora, lavora in fabbrica, pratica sport ed eccelle nel salto con l’asta. Si trasferisce a Monaco. Si arrabatta con i lavori più bizzarri. Si sposta tra Vienna, Berlino, Dresda, Parigi. Frequenta un mondo intelligente, teatrale, letterario e d’avanguardia. Rifiuta di essere ingabbiata nelle regole sociali. È probabilmente bisessuale. Ha una figlia fuori dal matrimonio, l’affida a una coppia che l’adotterà....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi