closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I vescovi golpisti con l’oligarchia contro le comunità

Vaticano. Dopo aver mantenuto a lungo una linea di prudenza, invitando ripetutamente a «costruire ponti» fino a offrire la propria mediazione nel dialogo tra il governo e l’opposizione (per poi ricondurre il fallimento del negoziato proprio alle tante divisioni della destra), il papa ha finito a quanto pare per prestare ascolto alle denunce contro il governo Maduro da parte dei vescovi - i cui vertici, ricevuti in udienza lo scorso giugno, avevano provveduto a fornirgli un quadro infernale del Paese

Con l’esplicita richiesta di sospensione della nuova Costituente, la quale, si legge nella nota diffusa dalla Santa Sede, «anziché favorire la riconciliazione e la pace», alimenterebbe «un clima di tensione e di scontro», papa Francesco sembra uscire allo scoperto riguardo alla situazione del Venezuela. Dopo aver mantenuto a lungo una linea di prudenza, invitando ripetutamente a «costruire ponti» fino a offrire la propria mediazione nel dialogo tra il governo e l’opposizione (per poi ricondurre il fallimento del negoziato proprio alle tante divisioni della destra), il papa chiede ora la «sospensione della Costituente». Qual è il punto? Che Bergoglio non può...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.