closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

I tumulti che trafiggono la storia

A 25 anni dall’assoluzione degli agenti che pestarono e arrestarono l’afroamericano Rodney King. «No justice no peace. La rivolta di Los Angeles» appena pubblicato da manifestolibri

Scoppiata nella primavera del 1992 in seguito all’assoluzione degli agenti, bianchi, che avevano pestato e arrestato l’automobilista afroamericano Rodney King, la rivolta di Los Angeles ha rappresentato una sorta di «evento globale», uno snodo decisivo sia per cogliere la trasformazione dei fenomeni urbani, il loro raccontare nuove istanze, desideri e protagonismi sociali, sia un punto d’arrivo, e di ripartenza, per quella narrazione dei riot metropolitani che caratterizza sempre più spesso il mondo occidentale, sfidando le categorie interpretative della politica mainstream come dello stesso pensiero critico. In questo senso, il fuoco che per una settimana incendiò le strade della metropoli californiana...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.