closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

I sindacati al premier: “Renzi ascoltaci, o sarà sciopero”

La manifestazione. In 100 mila nella capitale per il pubblico impiego: «Bisogna sbloccare il contratto». Camusso: «Basta promesse, o si mobiliteranno tutti i lavoratori». Furlan (Cisl): «Non tollereremo un nuovo congelamento». Barbagallo (Uil): «Pronti a incrociare le braccia, insieme a tutti quelli che non hanno rinnovo»

La manifestazione dei lavoratori del pubblico impiego, ieri a Piazza del Popolo

La manifestazione dei lavoratori del pubblico impiego, ieri a Piazza del Popolo

«Se la risposta non ci sarà, continueremo con lo sciopero delle categorie, ma chiamando tutti i lavoratori». Susanna Camusso conclude così una giornata di grande mobilitazione: i lavoratori del pubblico impiego hanno invaso Roma, muovendosi da Piazza Repubblica a Piazza del Popolo, e toccando quota 100 mila persone. Con loro, come nelle grandi occasioni, le rappresentanze di tutti i settori: dai metalmeccanici agli edili, dagli alimentaristi ai chimici e ai precari, dal commercio fino ai pensionati. Perché, appunto, la parola che aleggia sopra tutte è: sciopero generale. Lo chiedono tutti e 12 i lavoratori intervenuti dal palco prima dei segretari...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.