closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

I signori del cibo, una mappa devastante

Libri. Stefano Liberti conduce un drammatico reportage visitando paesi dove avvengono letali commerci

Non è un libro a km zero, I signori del cibo di Stefano Liberti (minimum fax, pagg. 327, euro 19). È piuttosto un’inchiesta globale su come il capitalismo alimentare, non diversamente che in altri settori, passi oggi sopra la testa degli Stati e soprattutto dei consumatori. Per tesserne le fila, il giornalista (ex manifesto, penna di Internazionale e autore di documentari come A sud di Lampedusa e Container 158) ha ricostruito la filiera di alcuni prodotti di larghissima diffusione: dalla carne di maiale alla soia, passando per il tonno e il pomodoro. Lo ha fatto andando di persona nelle sedi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi