closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

I sessantamila «furbetti» del Jobs Act

Inps. Nel 2015 60 mila aziende hanno percepito indebitamente 600 milioni di sgravi contributivi. Coinvolti 100 mila lavoratori. Lo scorso marzo il ministero del lavoro aveva già scoperto irregolarità in 64 imprese su 338. Tra il 2014 e il 2015 sono state individuate anche 700 aziende fittizie e 30mila finti lavoratori

Inps, i controlli sugli sgravi triennali del Jobs Act nel 2015

Inps, i controlli sugli sgravi triennali del Jobs Act nel 2015

Sessantamila mila aziende hanno usufruito indebitamente di 600 milioni di euro in sgravi contributivi e dovranno restituire le cifre percepite. Centomila lavoratori, su un milione e mezzo di assunti nel 2015, non hanno diritto all'esonero dei contributi previdenziali previsto dal governo Renzi nel Jobs Act. Gabriella Di Michele, direttrice delle entrate dell'Inps, ieri ha spiegato che i 600 milioni dovrebbero essere recuperati quest'anno. Circa cento milioni arriveranno dai contributi, 500 dal gettito futuro. I settori interessati sono quello agricolo,edilizio, il lavoro domestico e le piccole aziende di servizi..Secondo quanto stabilito dall'istituto di previdenza, le aziende scoperte non usufruiranno più dello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.