closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

I servizi inglesi fermano il marito del giornalista del caso Snowden

DATAGATE. Glenn Greenwald (Guardian): «Nemmeno la mafia»

Glenn Greenwald, giornalista del Guardian

Glenn Greenwald, giornalista del Guardian

Non bastano l’arresto e quella che certamente sarà una durissima condanna per il soldato whistleblower («spifferatore») di Wikileaks Bradley Manning (la sentenza è attesa per questa settimana). Non basta l’assedio di Julian Assange, che non può lasciare l’ambasciata ecuadoriana di Londra per non rischiare l’estradizione verso gli Stati Uniti. E neppure la caccia all’uomo internazionale (con tanto di sequestro dell’aereo del presidente boliviano Evo Morales) scatenata sempre dagli Usa per catturare l’altro gran whistleblower Edward Snowden, che ha fatto conoscere al mondo lo spionaggio massiccio a cui il servizio segreto statunitense, la Nsa, sottopone le comunicazione di tutto il pianeta. Ora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi