closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

I segreti di Gasparri nascosti nella poltrona

Senato. Il berlusconiano vicepresidente tuona contro l’intelligence italiana, «inefficientissima» nella guerra al terrorismo. Motivo: Forza Italia è rimasta fuori dal Copasir

Maurizio Gasparri

Maurizio Gasparri

L’avvertito telespettatore avrà alzato il sopracciglio e magari fantasticato di trame oscure e inintelligibili, a quell’ora della mattina quando, trovandosi davanti alla tele e vedendo Omnibus su La7, ha sentito l’attacco a freddo di Maurizio Gasparri contro i servizi segreti italiani. Nientemeno. Il mondo alla rovescia: il senatore oggi forzista ma un tempo camerata di Giulio Maceratini stava parlando della «superficialità di Renzi» sulla Libia quando, con rapido colpo di cloche, ha sganciato bombe sulle nostre barbe finte, ree - presunte, per ora - di lassismo e sbadatezza nella caccia preventiva allo jihadista in transito in Italia. «I nostri servizi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.